Search
Generic filters
Exact matches only

Salute e sicurezza sul lavoro in smart working con Microdevice

Tempo di lettura: 3 minuti
Argomenti: smart working

La sicurezza sul lavoro in smart working rappresenta oggi un’importante responsabilità del datore di lavoro.

L’Art. 2087 del c.c. afferma, infatti, che “l’imprenditore è tenuto ad adottare nell’esercizio dell’impresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, l’esperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare la integrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro”.

Le imprese sono organizzate per gestire la situazione quando il collaboratore si trova in sede, ma se il dipendente lavora in smart working vale lo stesso obbligo? E, inoltre, come è possibile tutelare una persona a distanza?

La legislazione, già di per sé complessa per questa tematica, è in aggiornamento anche per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro in smart working. Ma sono presenti delle indicazioni precise nella Legge n. 81 del 2017 sul lavoro agile.

Legge 81/2017 e obblighi del datore di lavoro in caso di smart working

L’articolo 22 della Legge 81/2017 sul lavoro agile afferma che, per garantire la salute e la sicurezza sul lavoro in smart working, al lavoratore e al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza deve essere fornita un’informativa scritta almeno una volta all’anno.

Questo documento definisce i rischi generali e quelli specifici legali alla modalità di esecuzione del lavoro. Indica inoltre il corretto utilizzo delle attrezzature/apparecchiature, eventualmente messe a disposizione nello svolgimento della prestazione in modalità di lavoro agile.

Dall’altro lato, il lavoratore – che viene automaticamente responsabilizzato – deve rispettare l’obbligo di cooperazione. Questo significa contribuire attivamente all’applicazione delle misure di prevenzione dei rischi individuate dal datore di lavoro.

Queste, se vogliamo, sono soluzioni più “burocratiche” che pratiche. Ma nella quotidianità cosa può fare il datore di lavoro per adempiere agli obblighi sulla sicurezza in caso di smart working?

Microdevice per la salute e la sicurezza sul lavoro

I sistemi Office Solutions di Microdevice tutelano la salute e la sicurezza sul lavoro, sia che il dipendente lavori in sede sia che svolga le proprie mansioni in smart working.

Nell’assoluto rispetto della privacy del lavoratore, i sistemi di supervisione montano degli speciali sensori grazie ai quali è possibile monitorare la presenza e notificare avvisi al dipendente.

Quando si lavora all’interno di un ufficio, ad esempio, è più semplice darsi orari e scandire la giornata con le pause che spettano di diritto. Quando si lavora da un luogo esterno (da casa o da un coworking, ad esempio) tutto questo può diventare più complicato e spesso viene trascurato. Per questo motivo, le Office Solutions di Microdevice montano dei sensori di presenza (pir sensor) che rilevano da quanto tempo il dipendente sta lavorando a pc e gli indicano quando staccare gli occhi dal video per fare una pausa.

Esistono anche altre tipologie di sensori come quelli che rilevano la CO2, che suggeriscono se è arrivato il momento di arieggiare l’ambiente, o come quelli che rilevano la luminosità di una stanza. In questo caso, i Led integrati nella colonnina aumentano o diminuiscono la loro intensità, mantenendo un livello di luce adeguato a salvaguardia del benessere visivo e favorendo la concentrazione.